mercoledì 7 gennaio 2009

un valzer lento e freddo


il mio nickname nevedimiele prende ispirazione dal ricordo del titolo di una compilation su cassetta che mi spedì margherita una manciata di anni fa. il giorno in cui dal cielo caddero pecore e miele mi diede subito una sensazione definitiva di tranquillità ovattata, di natura sottosopra, di lentezza armonica ma imprecisa. è un'immagine che non si è mai sciolta definitivamente nella mia testa, rimane lì, a mezz'aria, a farmi compagnia, come le favole ben scritte.
oggi stando alla finestra a veder scendere tutta questa neve, e a sentirne le conseguenze, ho provato ad immaginare i fiocchi così leggeri e silenziosi e soffici e cristallini, uno per uno, a cadere in un valzer lento e freddo. ho pensato ad un camino, a una coperta per terra, a tante cose semplici ed importanti che le persone si dimenticano andando di fretta, lavorando cinque giorni a settimana per ubriacarsi un paio di sere.
se singhiozzo prima di dormire è perchè so che la neve si scioglie, diventa poltiglia nerastra, la gente torna ad arrabbiarsi e a suonare il clacson per strada; e perchè c'è qualcosa di me che non so, nascosto sotto tanto candore, e il sole è l'ultimo a scoprirlo.

8 commenti:

  1. ...Vedo che sei anche tu tra gli amanti della neve :)
    Si scioglie, sì. Se non si sciogliesse per tornare solo l'anno dopo, forse non sarebbe più speciale...

    RispondiElimina
  2. leggo a tappe, a fatica.
    è come se le tue parole facessero un po' di male, di traverso nello stomaco.

    RispondiElimina
  3. La neve fa un pò questo effetto anche a me. Primitiva gioia e struggente malinconia quando se ne va. Ma forse è per il suo essere labile che la si ama tanto...

    RispondiElimina
  4. "Perchè so che la neve si scioglie, diventa poltiglia nerastra, la gente torna ad arrabbiarsi e a suonare il clacson..."

    Sì, perchè, anche se poi scompare, la neve ovatta, ricopre e protegge anche le nostre anime, preparandole alla festosa rinascita primaverile, e alla raccolta estiva dei frutti...

    Adonai

    RispondiElimina
  5. che bello e strano leggerti, come sempre c'è molto da rifletterci su..

    Ellioth Smith-Angeles

    vorrei consigliarti questa canzone, Rachele =)

    RispondiElimina